La nostra storia

  • Festa d'Estate al quartiere Savena
    #luglio 2016; #campiaperti
  • Festa d'Estate al quartiere Savena
    #luglio 2016; #campiaperti

Amici dei Popoli nasce nel 1974 con il nome di Amici del Rwanda, quando un gruppo di volontari, guidato dal sacerdote salesiano Don Ferdinando Colombo, si reca per la prima volta in Rwanda (il “Paese dalle mille colline”) per compiere un’esperienza di un mese di attività a servizio di alcune comunità locali che fanno capo a Padre Tiziano Guglielmi, missionario reggiano della congregazione dei Padri Bianchi, e Don Mario Ardenghi, missionario salesiano. L’esperienza si ripete negli anni successivi, coinvolge un numero sempre crescente di volontari e porta il gruppo a dotarsi gradualmente di una struttura amministrativa ispirata – nei valori fondanti – al messaggio cristiano.

Così, nel 1978, in seguito anche alla nascita delle sedi di Reggio Emilia, Bergamo, San Giovanni Bianco, Milano e Matera, il gruppo di volontari si costituisce come ONG (Organismo Non Governativo) con sede legale a Treviglio (BG), e ottiene il riconoscimento ufficiale del Ministero degli Esteri italiani e della Commissione della Comunità Europea.

Negli anni seguenti, parallelamente ai progetti di sviluppo nel settore delle costruzioni di infrastrutture e opere pubbliche, cominciano ad avere un ruolo sempre più significativo gli interventi di formazione per i giovani e di reinserimento familiare, scolastico e professionale a favore dei ragazzi di strada. Nel 1993 l’organismo modifica il proprio nome da Amici del Rwanda, in AMICI DEI POPOLI, e inizia a operare anche in altri paesi del Sud del mondo, mantenendo e sviluppando l’originario stile di cooperazione. Gradualmente il settore educativo diviene l’ambito privilegiato delle azioni di Amici dei Popoli, nel quale l’Ong attua i propri progetti di cooperazione a sostegno delle comunità locali (in Africa e America Latina).

Lo stile di cooperazione – imperniato sull’educazione e sulla formazione delle generazioni più giovani, delle donne e dei gruppi sociali più vulnerabili – si concretizza non solo nei progetti di cooperazione ma anche attraverso le esperienze di volontariato a breve termine, incentrate sull’”Oratorio Estivo” per bambini e ragazzi realizzate da oltre 30 anni presso comunità di diversi Paesi dell’Africa e dell’America Latina (Burundi, Brasile, Uruguay, Argentina, Togo, Kenya, Repubblica Democratica del Congo, Rwanda). È da queste esperienze che nascono profonde relazioni con le comunità locali, e si sviluppano opportunità per instaurare collaborazioni durature e per realizzare progetti di sviluppo.

Oggi Amici dei Popoli Ong è presente in Rwanda, Repubblica Democratica del Congo, Burundi, Argentina e Uruguay. E ovviamente in Italia, con le sedi di Bologna , Padova, Treviglio, Roma e Altamura. L’azione di Amici dei Popoli in Italia e in Europa mira a sensibilizzare la cittadinanza sui temi della povertà e delle diseguaglianze che ancora affliggono tanti paesi, sugli squilibri economici che le determinano, sul ruolo fondamentale della società civile e dei singoli cittadini per promuovere un cammino di trasformazione della società globale in cui viviamo.

Da più di quarant’anni Amici dei Popoli si impegna in questa direzione nelle scuole e con le scuole, sui territori, in collaborazione con gli enti locali e con le associazioni che condividono i medesimi valori, speranze e obiettivi. Tutto questo al fine di offrire a ogni persona che decide di percorrere un pezzo di strada insieme all’Ong la possibilità di essere concretamente Amico dei Popoli, facendosi attore di quel cambiamento sociale che è indispensabile per costruire una società più equa e giusta per tutti.