051 460381 info@amicideipopoli.org

18 Giugno 2022 – Giornata Internazionale per contrastare i discorsi d’odio

“Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odio.”

(Nelson Mandela)

Le parole d’odio possono avere delle conseguenze psicologiche e sociali molto pesanti per alcune persone, e possono frenare le loro capacità ed impedire loro di esprimersi liberamente e di contribuire alla vita sociale culturale, politica ed economica del paese. Le parole d’odio vanno contrastate, in quanto umiliano, giustificano la violenza e a volte  uccidono.

Oggi 18 maggio si celebra la 1° Giornata Internazionale per contrastare i discorsi d’odio. In questa giornata, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con la risoluzione 75/309, il 21 luglio 2021, si afferma l’impegno degli Stati membri a promuovere la convivenza pacifica, il rispetto e l’osservanza delle libertà fondamentali e dei diritti umani senza distinzioni di alcun tipo.

Gli Stati parte hanno il compito di proibire ogni forma di discriminazione e violenza sulla base del credo religioso o dell’opinione personale e di implementare le misure che garantiscano l’eguale ed effettiva protezione di tali diritti da parte della legge. 

L’ONU riafferma inoltre  l’esercizio del diritto alla libertà di opinione, di espressione e del pieno rispetto per la libertà di cercare, ricevere e diffondere le informazioni; tali diritti possono giocare un ruolo fondamentale nel rafforzamento della democrazia e nella lotta all’intolleranza religiosa.

Le norme per una convivenza pacifica sono contrarie a qualsiasi tipo di hate speech che mini lo spirito di tolleranza, di rispetto delle diversità e di dialogo interreligioso ed interculturale, i discorsi d’odio alimentano e giustificano fenomeni di violenza,  vanno quindi contrastati e bloccati sul nascere.

Per celebrare la giornata vi proponiamo di riguardare alcuni interventi realizzati nell’ambito dei progetti Odiare non è uno Sport e Start The Change che approfondiscono alcuni aspetti legati al contrasto dei discorsi d’Odio online è offline.