051 460381 info@amicideipopoli.org

27 Gennaio 2022 – Giornata della Memoria

Il 27 gennaio 1945 l’Armata Rossa, guidata dal maresciallo Ivan Konev, liberava la città polacca di Oświęcim, Auschwitz in tedesco. Le truppe sovietiche da quel giorno iniziarono a liberare i sopravvissuti e a scoprire gli orrori che in quel campo, così come in tanti altri, si erano consumati. Nel luglio del 2000 il Parlamento italiano ha approvato la legge n. 211 che riconosce il 27 gennaio come giornata dedicata al ricordo della Shoah e delle deportazioni. Due anni fa la Senatrice Liliana Segre al Parlamento europeo pronunciava queste parole: “Anche oggi fatico a ricordare, ma mi è sembrato un grande dovere accettare questo invito per ricordare il male altrui. Ma anche per ricordare che si può, una gamba davanti all’altra, essere come quella bambina di Terezin che ha disegnato una farfalla gialla che vola sopra i fili spinati. Io non avevo le matite colorate e forse non avevo la fantasia meravigliosa della bambina di Terezin. Che la farfalla gialla voli sempre sopra i fili spinati. Questo è un semplicissimo messaggio da nonna che vorrei lasciare ai miei futuri nipoti ideali. Che siano in grado di fare la scelta. E con la loro responsabilità e la loro coscienza, essere sempre quella farfalla gialla che vola sopra ai fili spinati.” Per continuare ad alimentare la memoria collettiva affinché nulla venga dimenticato e che l’esperienza del passato possa rimanere un monito per il futuro, è importante conoscere, ascoltare le testimonianze di chi gli orrori di quell’esperienza li porta sulla pelle e rispettare il ricordo delle vittime.